04/10 2017

Codici e messaggi di errore di Excel: capirli e risolverli

Chiunque utilizza Excel, sia per lavoro che per usi privati, sporadicamente o quotidianamente, prima o poi si scontra con i tanto odiati, e spesso incomprensibili, messaggi di errore di Excel.

I motivi possono essere i più diversi. Ad esempio, avete digitato una formula in modo non corretto, oppure avete scritto un operazione impossibile o, ancora, state cercando un valore inesistente.

In qualsiasi caso, è importante non spaventarsi e non scoraggiarsi. Scopri in questa guida utile come riconoscere e affrontare i diversi messaggi di errore di Excel.

Innanzitutto, ricordiamo che i messaggi di errore hanno sempre un elemento comune: iniziano con il simbolo “#”.

Errore #rif!

L’errore #rif! segnala che non è possibile individuare la cella che è stata indicata come argomento all’interno di una funzione o di una formula.
Esempio: in una cella si esegue la somma di altre due celle, dopodiché una di queste due cella viene eliminata. La cella contenente la somma restituirà un errore #rif! in quanto una delle due celle addendi della somma non esiste più e quindi Excel non riesce ad individuarla.

Come risolverlo? Ripristinare la cella eliminata, se cancellata per errore, o modificare la formula eliminando manualmente il riferimento alla cella non più esistente, che viene visualizzata come #rif!

 

Errore #div/0!

L’errore #div/0! viene visualizzato quando si cerca di dividere un numero per 0, operazione matematicamente impossibile, o per una cella vuota.

Come risolverlo? Modificare il divisore scegliendo o una cella non vuota oppure una cella che non contenga un valore pari a 0.

 

 

 



Errore #valore!

L’errore #valore! viene visualizzato quando la formula include operatori o argomenti errati.

Esempio: si cerca di operare una somma tra un numero e un testo.

Come risolverlo? Modificare uno degli argomenti dell’operazione, sostituendo il testo con un numero.

 

 

 

Errore #num!

L’errore #num! identifica una formula che contiene valori numerici non validi oppure viene visualizzato quando si richiede ad Excel di eseguire un calcolo che supera il suo numero massimo gestibile.

Esempio: scriviamo la seguente formula 165300, cioè chiedo ad Excel di elevare a potenza 165 alla trecentesima.
Oppure, inserisco in una cella manualmente il valore “$ 1,000” e lo voglio sommare. In questo caso Excel non lo riconosce come un numero.

Come risolverlo? Nel primo caso, modificare il calcolo in modo che rispetti i limiti di calcolo di Excel. Nel secondo caso, scrivere il numero solo come 1000, senza virgole o il segno della valuta e utilizzare la formattazione per visualizzarlo come richiesto.



Errore ########

L’errore ###### viene visualizzato quando la dimensione di una colonna non è sufficiente per evidenziare l’intero valore.

Come risolverlo? Allargare la larghezza della colonna, affinché Excel possa mostrare tutto il contenuto.

 

 

 

 

Errore #nome?

L’errore #nome? segnala che è stato inserito il nome di una funzione inesistente oppure che non sono state inserite le “” a una stringa di testo in una funzione.

Esempio: scrivo =soma(a1+a2) oppure =se(a1>10; bene; male).

Come risolverlo? Nel primo caso correggere il nome della funzione. Se non lo si ricorda, si può cercarlo nel menu formule. Nel secondo caso, ricordiamo che qualora si utilizzano delle stringhe di testo come argomenti di una funzione, queste devono essere racchiuse tra virgolette (ad esempio: “bene” e “male”).




Errore #n/d

L’errore #n/d si visualizza quando un valore non è disponibile per una data funzione o formula.

Esempio: in una funzione cerca.vert, chiedo ad Excel di cercare in una matrice il valore inserito nell’argomento “valore”, ma questo in realtà non è presente nella tabella matrice.

Come risolverlo? Assicurarsi di cercare un valore esistente, se si vuole correggere l’errore. Altrimenti, in caso di funzione come cerca.vert o cerca. orizz può non essere considerato un errore bensì un risultato accettabile. Se, per esempio, sto confrontando due tabelle e voglio verificare se ho riportato tutti i dati dalla tabella 1 alla tabella 2, se il mio cerca.vert mi restituisce un errore #n/d significa che il valore cercato non è presente nella tabella 2 e, a questo punto, posso aggiungerlo sopperendo alla mancanza.

Errore #null!

L’errore #null! viene visualizzato quando in una formula o funzione viene inserito un operatore di intervallo errato oppure se viene specificata un’intersezione tra due aree che non si intersecano.

Esempio: scrivo una formula come segue =somma(A1:A4 B1:B4)

Come risolverlo? Modificare la formula inserendo il corretto operatore di intervallo. In questo caso, se voglio operare la somma di due intervalli distinti li devo separare con un “;”.

La formula corretta sarebbe: =somma(A1:A4;B1:B4).

Leave a Comment